Main menu:

Briciole di Luce

“Esiste un certo nesso naturale tra certe lettere, parole, numeri, gesti, profumi, cosicché ogni idea o spirito può venire composto o evocato mediante l’uso delle cose che sono in armonia con esso, ed esprimono parti della sua natura.”

A. Crowley


“Chi non ammette l’insondabile mistero non può essere neanche uno scienziato. “

Albert Einstein


“La cosa più bella con cui possiamo entrare in contatto è il mistero. E’ la sorgente di tutta la vera arte e di tutta la vera scienza.”

Albert Einstein

“Se la capisco è scienza, se non la capisco magia” indicava come distinguo un famoso scienziato a chi gli diceva che parlare a distanza con una persona non presente era magia.

Come lui, anche molti di noi ritengono che scienza e magia siano due cose assolutamente agli antipodi. Eppure, molte cose che oggi noi sappiamo benissimo essere scienza, sarebbero stati considerati magia da tutti quelli vissuti nel passato.

E quindi sorge spontanea una domanda, “E se ciò che chiamiamo magia non fosse altro che una scienza che ancora non è alla nostra portata?”

Siamo tutti d’accordo nel considerare matematica e fisica nel campo della scienza. Per tutte le scienze “non esatte” tipo la sociologia o la psicologia con i loro cinquatamila diversi approcci che stanno con un piede nella scienza e con un piede nel “io penso che…” il loro essere “scienza” è accertato con una manica molto ma molto più larga.

E forse la magia è solo la fisica di un mondo dove la nostra percezione è più difficile. Quanto diverse sarebbero le leggi della nostra fisica se avessimo avuto solo ricercatori ciechi?

E così ho iniziato questa raccolta “scientifica” di dati raccolti qua e la, li ho incrociati e comparati. Ho tenuto solo ciò che, nonostante il tempo e le origini differenti, coincideva.
Ho volutamente ignorato tutto ciò che riguardava magia nera, evocazione di demoni ed altre attività orientate al fare del male agli altri.

Non so se i consigli, le invocazioni, i rituali che ho raccolto funzionano oppure no. Non vi dirò neppure se io li ho provati oppure no. La scelta è e deve essere solo vostra. Potete considerare questa raccolta un bizzarro libretto per giocare a fare il mago bianco in un gioco di ruolo così come potete considerarlo un manuale d’uso per iniziare ad avvicinarsi alla realtà arcana.

Ma per chi vuole prendere “sul serio” ciò che ho scritto, non posso non riportare un avvertimento che ho più volte trovato nei testi che ho consultato :

“Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te.”
“Finché non fai del male a nessuno, fa ciò che vuoi “
“Qualsiasi cosa noi facciamo, ci ritorna indietro
tre volte tanto nel bene o nel male”